Assi di ricerca

5 assi di ricerca

recherche-dermo-cosmetique3.jpgUna risposta globale

Per proporre l’offerta cosmetologica più completa possibile, dall’accompagnamento dei problemi cutanei al trattamento della pelle e dei capelli, la nostra R&S dermocosmetica privilegia 5 assi di ricerca: Idratazione, Reattività cutanea, Iperpigmentazione, Cellulite e Biologia del capello. Per ognuna di queste i nostri ricercatori identificano attivi di interesse e nuovi target farmacologici. Sviluppano un savoir-faire e metodologie idonee per capire meglio la fisiologia della pelle normale o patologica. Sviluppano nuovi modelli di studio e di valutazione dei prodotti.

I risultati di queste ricerche sono oggetto di numerose comunicazioni ai congressi e di pubblicazioni scientifiche su riviste peer-reviewed.

Idratazione

hydratation.jpgIdentificare nuovi attivi

Le ricerche condotte sulla funzione barriera dell’epidermide hanno lo scopo di identificare e definire nuovi attivi che agiscano sull’idratazione della pelle, il rafforzamento della funzione barriera, il mantenimento dell’omeostasi epidermica, la resistenza a differenti stress, la protezione contro gli agenti patogeni esterni, la riparazione cellulare e la rigenerazione tissutale. Riguardano anche la sintesi chimica e la bio-guida di molecole originali.

Reattività cutanea

inflammation.jpgControllare l’eccessiva reazione cutanea

Ricerchiamo attivi adatti a controllare un’eccessiva reazione aspecifica della pelle e degli annessi nelle dermatosi infiammatorie quali l’acne, la dermatite atopica, la rosacea o anche la dermatite seborroica. Cerchiamo di determinare i fattori costituzionali e ambientali implicati nell’eziologia di queste dermatosi infiammatorie.




I nostri ricercatori hanno sviluppato numerosi modelli per determinare le diverse fasi di queste dermatosi, studiarne la progressione e valutare l’attività farmacodinamica di molecole o di estratti vegetali suscettibili di migliorare lo stato della pelle.

Iperpigmentazione

Soluzioni innovative per prevenire e ridurre l’iperpigmentazione.

Le nostre ricerche hanno lo scopo di proporre nuovi attivi in grado di schiarire o rendere uniforme il colorito o ancora, di prevenire la comparsa di macchie quali il melasma o le lentigo. Gli studi di biologia clinica permettono di esplorare la pigmentazione con tecniche di imaging o di biologia molecolare allo scopo di capire meglio i meccanismi d’azione (macchie scure, pigmentazione costitutiva o fotoindotta). Modelli cellulari o tissutali che utilizzano melanociti e cheratinociti sono sviluppati per identificare i percorsi di regolazione della pigmentazione. L’insieme di questi studi permette di proporre soluzioni innovative per i prodotti schiarenti.

Cellulite

minceur.jpgAumentare l’efficacia dei prodotti anti-cellulite

L’asse di ricerca sulla cellulite mira ad identificare target farmacologici e attivi in grado di aumentare l’efficacia dei prodotti contro gli inestetismi della cellulite.

I nostri laboratori di farmacologia cellulare, tissutale e clinica realizzano modelli unici con l’aiuto dei quali saranno valutate le proprietà degli attivi selezionati per il loro carattere innovativo. Le nostre ricerche si incentrano attualmente sulla cronobiologia.

Biologia del capello

cheveu.jpgBellezza e biologia del capello e del cuoio capelluto

Le proprietà biofisiche e biomeccaniche dei capelli (brillantezza, colore, elasticità, resistenza, densità e spessore) sono studiate con l’aiuto di differenti tecnologie (imaging, test meccanici e ottici sulle mèches) e valutate realizzando test di analisi sensoriale. Questi metodi permettono di valutare l’efficacia degli attivi e guidano lo sviluppo galenico dei nostri prodotti per capelli.



I meccanismi cellulari e molecolari che contribuiscono a regolare il ciclo pilifero, la seborrea, l’idratazione e la sensibilità del cuoio capelluto sono studiati per migliorare la presa in carico dei diversi tipi di caduta dei capelli e di altri problemi legati al cuoio capelluto. Lo sviluppo di modelli in vitro basati sulla coltura delle cellule del bulbo, di follicoli piliferi interi e di cellule cutanee che permettono la selezione di attivi la cui efficacia sarà confermata in vivo con la realizzazione di valutazioni cliniche.