Colture cellulari vegetali

Un processo brevettato

La coltura cellulare vegetale è un metodo che permette di moltiplicare il numero di cellule risultanti da una pianta a partire da un singolo elemento (una foglia o un petalo per esempio). I Laboratoires Pierre Fabre hanno depositato numerosi brevetti in questo settore all’avanguardia.

substances-naturelles.jpg

  • Un primo gruppo di ricerca sta lavorando per identificare nuove molecole e le loro possibili attività. Il suo scopo è di fornire nuoviprincipi
    attivi
    ,a partire da cellule vegetali, per applicazioni nel campo cosmetico e farmaceutico.
  • Un secondo gruppo, che opera sul nostro sito di produzione di principi attivi a Gaillac (Tarn), mette a punto il processo industriale e garantisce la produzione di queste cellule vegetali, in un laboratorio dedicato, seguendo le Good Manufacturing Practices (GMP) farmaceutiche.

Inizialmente, le cellule vegetaliculture-cell-vegetale2.jpgsono coltivate in un forno da laboratorio. Si moltiplicano per formare dei ceppiche permettono di seminare dei bioreattori sterili nei quali si svolge la produzione finale di cellule vegetali in modo controllato. Un gran numero di cellule vegetali perfettamente identiche tra loro è ottenuto in pochi giorni. Una biomassa, essiccata o purificata, viene quindi formata in pochi giorni permettendo di ottenere principi attivi di elevata purezza.

Questa tecnologia consente di:

  • utilizzare la biodiversità naturale senza arrecarle danno: non distruttiva, senza trasporto, senza sfruttamento delle terre (senza fertilizzanti ne pesticidi)
  • produrre degli attivi  su richiesta in un ambiente controllato e gestito dall’uomo, indipendentemente dall'ecosistema della pianta d’origine, in conformità con i principi della chimica verde (come ad esempio l'uso limitato di solventi)
  • rendere possibile l'uso di piante difficili da coltivare su larga scala, a crescita lenta o in via di estinzione o protette, senza metterle in pericolo.