28/06/2018

Pierre Fabre e Roche estendono il loro accordo di collaborazione per sviluppare un nuovo prototipo di test diagnostico in oncologia

Il gruppo Pierre Fabre annuncia l’estensione del suo accordo di collaborazione con Roche al fine di sviluppare un nuovo prototipo di test diagnostico in oncologia per W0101, un farmaco anticorpo-coniugato (ADC). Questo ADC, scoperto e sviluppato dall’Institut de Recherche Pierre Fabre, prende di mira il recettore del fattore di crescita analogo all’insulina di tipo 1 (IGF-1R). Lo studio clinico, lanciato nel 2017, vede come ricercatore principale il Dott. Christophe Massard, responsabile del dipartimento di innovazione terapeutica e di studi sulla diagnosi precoce del Centro Gustave Roussy a Villejuif (Francia). Lo studio si svolge all’interno di vari laboratori di ricerca in Francia e in Spagna.

 Ora l’accordo di collaborazione si estende anche alla determinazione retrospettiva dell’espressione dell’IGF-1R nei pazienti coinvolti nello studio clinico di fase I/II.

Questa collaborazione con Roche, leader mondiale della diagnostica in vitro e della diagnostica istologica del cancro, segna una tappa importante nello sviluppo di questa nuova opzione terapeutica destinata ai pazienti affetti da tumori che iperesprimono IGF-1R, spiega il Dott. Alexandre Passioukov, direttore del dipartimento di medicina traslazionale presso l’Institut de Recherche Pierre Fabre. Sappiamo che l’anticorpo IGF-1R, utilizzato per il test diagnostico, si lega a un epitopo diverso da quello utilizzato per l’ADC, entrambi sviluppati dall’Institut de Recherche Pierre Fabre. 

A proposito di W0101

W0101 è il primo ADC composto da un derivato di monometil auristatin brevettato, scoperto e sviluppato presso l’Institut de Recherche Pierre Fabre, coniugato a un anticorpo che prende di mira il recettore dell’IGF-1. L’IGF-1R è noto per il suo ruolo nella tumorigenesi e nello sviluppo di vari tipi di cancro. In quanto ADC, W0101 rappresenta un nuovo approccio basato sull’utilizzo di un anticorpo monoclonale altamente specifico al fine di liberare in modo selettivo un farmaco citotossico altamente potente nelle cellule tumorali dopo l’internalizzazione tramite l’IGF-1R. W0101 è ideato per il trattamento dei pazienti affetti da tumori che iperesprimono l’IGF-1R. Attualmente è in fase di valutazione nell’ambito di un test clinico di fase I. Per maggiori informazioni sul test clinico, visitare la pagina: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03316638

Leggere il comunicato stampa