24/05/2018

Pierre Fabre Médicament e BioSerenity si uniscono per creare il primo tessuto intelligente per l’identificazione e il monitoraggio dei disturbi urinari

Pierre Fabre Médicament e la start-up francese BioSerenity annunciano la sottoscrizione di un accordo riguardante lo sviluppo comune, l'introduzione nel mercato e la distribuzione di dispositivi medici intelligenti nel trattamento dell’incontinenza urinaria. L'accordo è stato siglato in seguito a una prima fase di collaborazione avviata alla fine del 2016, durante la quale BioSerenity ha sviluppato vari prototipi di tessuti intelligenti in collaborazione con lo staff di Pierre Fabre Médicament. Questa nuova fase della collaborazione riguarderà la produzione e l’introduzione sul mercato di un tessuto intelligente per la diagnosi, valutazione e monitoraggio dei disturbi urinari dovuti a una vescica iperattiva. Questa malattia cronica colpisce quasi il 20% della popolazione sopra i 40 anni, condizionando in maniera radicale la vita quotidiana di uomini e donne.

Il tessuto intelligente viene indossato intorno alla zona dell’addome sotto forma di indumento intimo. Grazie ai sensori biometrici che registrano i vari parametri di funzionamento dell’apparato urinario, consente di individuare e quantificare costantemente i disturbi urinari del paziente, e di inviare i dati registrati su un’applicazione mobile ad una piattaforma Cloud sicura, consultabile dall’urologo per effettuare un monitoraggio continuo.

Secondo i termini dell'accordo, Pierre Fabre Médicament finanzierà la componente di Ricerca e Sviluppo del dispositivo e godrà in esclusiva dei diritti di vendita in Francia e nel resto del mondo. Le condizioni finanziarie dell'accordo sono rimaste confidenziali.

Doppia vittoria per un tessuto intelligente rivoluzionario

Vincitrice di UroTech Challenge, un hackathon sulla vescica iperattiva organizzato da Pierre Fabre Médicament nel novembre 2016, BioSerenity ha già convinto gli urologi e i pazienti dell’API (Aide aux Patients Incontinents), un’associazione che assiste i pazienti incontinenti, grazie al suo rivoluzionario dispositivo.

Il tessuto intelligente rappresenta un’opportunità senza precedenti per cambiare radicalmente la vita dei pazienti e dei medici prescrittori, in grado di fornire una diagnosi più precisa partendo dai dati raccolti nel quotidiano e di migliorare il comfort dei pazienti durante l'esame, riducendo i potenziali effetti collaterali. Inoltre, il tessuto consente di semplificare il percorso di cura e ridurre i costi, secondo Xavier Gamé, Professore di Urologia al CHU di Tolosa.

I team di BioSerenity e Pierre Fabre Médicament hanno collaborato intensamente negli ultimi 18 mesi. BioSerenity si è dedicata allo sviluppo dei primi prototipi del dispositivo medico intelligente, focalizzandosi sul trattamento e l’interpretazione dei dati relativi ai disturbi urinari. Al contempo, Pierre Fabre Médicament si è concentrata sull’applicazione del dispositivo e la sua integrazione nel percorso di cura per migliorare la qualità della vita del paziente, ma anche sul suo valore aggiunto come strumento di diagnosi e monitoraggio a supporto dei medici prescrittori. Le due aziende partner continuano inoltre a studiare le opportunità di sviluppo e accesso al mercato del nuovo dispositivo medico, al fine di definire un business model adeguato.

Il nuovo accordo porterà allo sviluppo di un’intera gamma di dispositivi intelligenti a supporto della diagnosi, la presa in carico e il monitoraggio dei pazienti colpiti da forme diverse di incontinenza urinaria.

Questo progetto di sviluppo condiviso è perfettamente in linea con la nostra strategia in campo urologico. Oltre ai farmaci, per noi è fondamentale sviluppare i servizi e gli strumenti e le soluzioni che migliorino il comfort dei pazienti durante le cure e semplifichino il lavoro dei medici prescrittori, afferma Dominique Authié, Direttore delle Operazioni per la Francia di Pierre Fabre Médicament.

Siamo rimasti colpiti molto positivamente dall’approccio originale e dall’energia creativa nell'arco di tutta la nostra collaborazione con Pierre Fabre Médicament, che ha messo a nostra completa disposizione il suo know-how farmaceutico. Il prossimo passo consisterà nella ricerca di risorse che rendano rimborsabile il nostro dispositivo medico intelligente. Intendiamo inoltre esplorare strade non battute finora, come il settore dell’intelligenza artificiale medicale, e aprirci a nuovi ambiti nei quali Pierre Fabre può vantare una posizione di leadership, ha aggiunto Pierre-Yves Frouin, CEO di BioSerenity.

Alcuni dati (Francia)

  • 5 milioni di pazienti seguiti da 1300 urologi per disturbi minzionali, la cui prevalenza aumenta in maniera lineare con l’età.
  • 150.000 test urodinamici effettuati ogni anno in ospedale.

Leggere il comunicato stampa